Aldo Moro

Aldo Moro
Aldo Moro colori.jpg

Presidente del Consiglio dei ministri
della Repubblica Italiana
Durata mandato4 dicembre 1963 –
24 giugno 1968
Capo di StatoAntonio Segni
Giuseppe Saragat
Vice presidentePietro Nenni
PredecessoreGiovanni Leone
SuccessoreGiovanni Leone

Durata mandato23 novembre 1974 –
29 luglio 1976
Capo di StatoGiovanni Leone
Vice presidenteUgo La Malfa
PredecessoreMariano Rumor
SuccessoreGiulio Andreotti

Presidente del Consiglio europeo
Durata mandato1º luglio 1975 –
31 dicembre 1975
PredecessoreLiam Cosgrave
SuccessoreGaston Thorn

Ministro degli affari esteri
Durata mandato5 agosto 1969 –
29 luglio 1972
PresidenteMariano Rumor
Emilio Colombo
Giulio Andreotti
PredecessorePietro Nenni
SuccessoreGiuseppe Medici

Durata mandato7 luglio 1973 –
23 novembre 1974
PresidenteMariano Rumor
PredecessoreGiuseppe Medici
SuccessoreMariano Rumor

Ministro della pubblica istruzione
Durata mandato19 maggio 1957 –
15 febbraio 1959
PresidenteAdone Zoli
Amintore Fanfani
PredecessorePaolo Rossi
SuccessoreGiuseppe Medici

Ministro della giustizia
Durata mandato6 luglio 1955 –
19 maggio 1957
PresidenteAntonio Segni
PredecessoreMichele De Pietro
SuccessoreGuido Gonella

Presidente del Consiglio Nazionale della
Democrazia Cristiana
Durata mandato1976 –
1978
PredecessoreAmintore Fanfani
SuccessoreFlaminio Piccoli

Segretario nazionale della
Democrazia Cristiana
Durata mandatomarzo 1959 –
gennaio 1964
PredecessoreAmintore Fanfani
SuccessoreMariano Rumor

Deputato della Repubblica Italiana
LegislatureAC, I, II, III, IV, V, VI, VII
Gruppo
parlamentare
Democratico Cristiano
CircoscrizioneBari
Incarichi parlamentari
  • Segretario della Commissione Speciale per l'esame del disegno di legge sulle nuove formule di giuramento dal 10 dicembre 1946 al 31 gennaio 1948
  • Commissione per la Costituzione dal 19 luglio 1946 al 31 gennaio 1948
  • 1a Sottocommissione dal 19 luglio 1946 al 31 gennaio 1948
  • Comitato di Redazione dal 19 luglio 1946 al 31 gennaio 1948
  • Commissione Parlamentare per la vigilanza sulle radiodiffusioni dal 7 luglio 1947 al 31 gennaio 1948
  • Componente della Giunta per il Regolamento dall'8 maggio 1948 al 27 maggio 1948, dal 6 agosto 1951 al 24 giugno 1953 e dal 26 giugno 1953 al 6 luglio 1955
  • Componente della 2a Commissione (Affari Esterni) dall'11 giugno 1948 al 24 giugno 1953 e dal 1º luglio 1953 al 6 luglio 1955
  • Componente della 6a Commissione (Istruzione e Belle Arti) dal 29 gennaio 1950 al 24 giugno 1953 e dal 1º luglio 1953 al 6 luglio 1955
  • Componente della Commissione Speciale per l'esame dei provvedimenti relativi alla Corte Costituzionale (n. 469 e 1292) dal 25 settembre 1952 al 18 dicembre 1952
  • Componente della Giunta per i trattati di commercio e la legislazione doganale dal 27 luglio 1951 al 1º luglio 1952
  • Componente della 1a Commissione (Affari Costituzionali) dal 1º luglio 1959 al 30 giugno 1962
  • Componente della 4a Commissione (Giustizia) dal 12 giugno 1958 al 30 giugno 1959, dal 1º luglio 1962 al 15 maggio 1963 e dal 1º luglio 1963 al 4 dicembre 1963
  • Componente della 8a Commissione (Istruzione e Belle Arti) dal 10 luglio 1968 al 24 maggio 1972
  • Componente della 3a Commissione (Affari Esteri) dal 25 maggio 1972 al 4 luglio 1976 e dal 5 luglio 1976 al 9 maggio 1978
  • Presidente della 3a Commissione (Affari Esteri) dall'11 luglio 1972 al 7 luglio 1973
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politicoDemocrazia Cristiana
Titolo di studioLaurea in Giurisprudenza
ProfessioneDocente universitario
FirmaFirma di Aldo Moro

Aldo Romeo Luigi Moro noto semplicemente come Aldo Moro (Maglie, 23 settembre 1916Roma, 9 maggio 1978) è stato un politico, accademico e giurista italiano, segretario politico e presidente del consiglio nazionale della Democrazia Cristiana.

Tra i fondatori della Democrazia cristiana e suo rappresentante alla Costituente, ne divenne segretario (1959). Fu più volte ministro; cinque volte Presidente del Consiglio dei ministri, guidò governi di centro-sinistra (1963-68), promuovendo nel periodo 1974-76 la cosiddetta strategia dell'attenzione verso il Partito Comunista Italiano[1]. Fu rapito il 16 marzo 1978 e ucciso il 9 maggio successivo dalle Brigate Rosse[1].